Vai direttamente ai contenuti della pagina Logo Documentaristi
[09-06-2006]
Doc/it ottiene un importante riconoscimento per la sua iniziativa in relazione al Contratto di Servizio RAI
La lettera aperta di Doc/it al Ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni (www.documentaristi.it/comunicazioni/1.htm) sul Contratto di Servizio Rai 2006-2008 ha trovato un’immediata risposta da parte del Ministero: martedì 6 giugno la delegazione di Doc/it è stata ricevuta dal Capo della Segreteria Particolare del Ministro, Dott.ssa Lorenza Bonaccorsi.
Le tesi di Doc/it (già espresse nella comunicazione inviata nel gennaio 2006 all’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni www.documentaristi.it/comunicazioni/2.htm) sono state recepite come contributo significativo per una prossima approfondita discussione, ottenendo inoltre il riconoscimento che le esigenze di chiarezza e trasparenza da noi poste sono da considerarsi a vantaggio dell’intero comparto dell’industria audiovisiva italiana, e non solo del documentario.
Inoltre ci è stato dato atto che lo stato di profondo disinteresse fin qui manifestato nei confronti del documentario dal Servizio Pubblico Radiotelevisivo nazionale è incompatibile con le nuove norme legislative che dovranno inevitabilmente trovare riscontro all’interno del nuovo Contratto di Servizio, e più in generale che la penalizzazione del documentario all’interno dei palinsesti delle tre reti RAI, che non ha riscontro in nessun altro Servizio Pubblico degli Stati membri dell’Unione Europea, non deve essere tollerato oltre, sul piano editoriale e culturale.
Doc/it esprime il suo sincero apprezzamento per la disponibilità e sensibilità dimostrate dal Ministro Gentiloni, e si impegna a mettere in campo le proprie energie e risorse per la discussione tesa alla revisione del Contratto di Servizio, avanzando tutte le proposte necessarie e fornendo tutti i dati numerici in nostro possesso, per gettare le basi indispensabili per il riconoscimento e lo sviluppo del settore da noi rappresentato, che Doc/it auspica da tempo.


indietro