Vai direttamente ai contenuti della pagina Logo Documentaristi
 
[29-03-2007]

Un’opera si dice in pubblico dominio quando sulla stessa non sono protetti (o non sono più protetti) i diritti di utilizzazione economica spettanti all’autore. In questo caso, l’opera può essere liberamente utilizzata economicamente da chiunque (salvi eventuali diritti connessi ancora tutelati).
È quindi in pubblico dominio un’opera decorsi i termini di protezione dei diritti di utilizzazione economica, ma vi possono essere anche altre ipotesi per le quali un’opera è in pubblico dominio (ad esempio, in Italia gli atti ufficiali dello Stato e delle amministrazioni pubbliche non sono tutelati come opere dell’ingegno, e possono quindi essere liberamente utilizzate da chiunque).
È bene comunque ricordare che se l’opera è in pubblico dominio per decorrenza dei termini di protezione dei diritti patrimoniali d’autore, la stessa è comunque tutela sotto il profilo del diritto morale.
Inoltre, per l’uso di materiale che reca la fissazione di opere (musicali, teatrali, cinematografiche etc.), anche se in pubblico dominio, occorre sempre valutare la loro situazione sotto il profilo degli eventuali titolari di diritti connessi (produttori, artisti interpreti ed esecutori etc.), il cui termine di protezione è specificatamente disciplinato nella legge 633/1941.