Vai direttamente ai contenuti della pagina Logo Documentaristi
[08-05-2015]
CONTINUA IL MESE DEL DOCUMENTARIO IN ITALIA E D’EUROPA

Questa settimana nelle sale di Roma, L’Aquila, Bari, Milano, Napoli, Nola, Noto, Nuoro, Palermo, Trieste e per l’estero Berlino, Grenoble, Londra e Parigi, The stone river di Giovanni Donfrancesco, presentato in anteprima mondiale al Festival di Roma e vincitore del Globo d’Oro e la settimana prossima il film dell’unica regista donna finalista al Doc/it Professional Award Valentina Zucco Pedicini con il suo Dal Profondo, storia dell’unica minatrice in Italia.

Nata dal desiderio di promuovere e diffondere il cinema documentario mostra in un intero mese di proiezioni il meglio del cinema del reale italiano la manifestazione ha un successo e di una partecipazione sempre crescente.

Più di mille sono al momento gli spettatori in Italia e in Europa che si confermano amanti del cinema del reale de Il Mese del Documentario. Nell’arco di pochissimi anni il pubblico conosce il documentario e lo sceglie. Un cambiamento rapido, che ha velocemente fatto morire gli stereotipi su questo genere e lo ha affermato come un luogo di creatività e di alto livello in alternativa al mainstream. Una conferma sono gli spettatori giovani che al Mese del Documentario hanno un’altissima percentuale. Non più curiosi e addetti del mestiere, ma un pubblico variegato che il documentario lo conosce, lo sceglie e lo considera un cinema di qualità. Una prova su tutti uno spettatore romano che, al termine della proiezione di The Stone River ci ha raccontato “Se sono in sala guardo tutti i documentari che posso. Io? Guardo solo non-fiction”

Roccaforte de Il Mese del Documentario è sempre la sua storica sede romana, la Casa del Cinema, che continua a registrare sold out con il suo pubblico. Non è la primavera fermare gli spettatori amanti del documentario e Roma ha visto anche nella replica domenicale due sale piene.

Altra sede storica che anche quest’anno continua ad avere un grande successo è Nuoro. Organizzata da come una scommessa dall’Istituto Superiore Regionale Etnografico, sono due anni che i documentari della manifestazione riempiono invece la sala del loro Auditorium Giovanni Lilliu. Anche i napoletani il cinema del reale lo amano, dove il Mese del Documentario si inserisce nella storica rassegna Astra Doc al cinema Astra, sala che, sfidando i blockbuster, da anni propone il meglio del documentario italiano e internazionale. Una delle new entry di quest’anno in cui Il Mese del Documentario sta registrando un grandissimo successo è Noto, che registra sold out ed entusiasmo del pubblico in tutte le sue proiezioni, grazie all'impegno di un gruppo di giovanissimi dell'Associazione FrameOff, già organizzatrice di Documentaria, rassegna dedicata al cinema del reale.

Le sedi? Sono teatri, come il magnifico Teatro Tina di Lorenzo di Noto con i suoi 110 posti, Auditorium e sale di cinema multisala come il Cinema Ariston di Trieste, il Cinema Savoia di Nola, il Beltrade a Milano e all’estero il Cinema Le Club di Grenoble, il cinema La Clef a Parigi e il Kino Babylon a Berlino. Il Centro Sperimentale di Cinematografia è un altro luogo privilegiato de Il Mese del Documentario, tutte le sedi che si occupano di cinema del reale hanno aperto le porte al pubblico e agli studenti per proporre i cinque finalisti del Doc/It Professional Award.
Il coinvolgimento degli spettatori è sempre stato un segno distintivo della manifestazione. Sono loro infatti a scegliere il vincitore del Premio del Pubblico, del valore di 1000€ offerti dall’Associazione dell’Autorialità Cinetelevisiva 100autori, che riconferma il suo sostegno all’iniziativa a testimonianza della sua vicinanza con il mondo del documentario. E il gradimento si conferma anche quest’anno davvero molto alto. Gli spettatori possono dimostrare il loro gradimento con un voto da 1 a 5 e la media è come negli anni precedenti 4,5 per ciascun film.

Il pubblico straniero non ha mai avuto dubbi sulla qualità del documentario italiano che continua ad amare dando la percentuale di voti più alta.

Sarà anche che il pubblico ha modo di confrontarsi con i registi che in questo momento stanno viaggiando da una sede all’altra per incontrare gli spettatori.

Per maggiori informazioni: http://ilmese.documentaristi.it/





indietro