Vai direttamente ai contenuti della pagina Logo Documentaristi
[16-09-2015]
STATO INTERESSANTE in onda su Rai3 giovedý 17 settembre 2015

STATO INTERESSANTE
un film documentario di
ALESSANDRA BRUNO

prodotto da RAFFAELE BRUNETTI per B&B FILM
in collaborazione con RAI 3
durata 60 min
anno di produzione 2015

fotografia SIMONE GINANNESCHI
montaggio ILARIA DE LAURENTIIS

 

Il Film andrà in onda giovedì 17 settembre 2015
ore 23,40 – su Rai3 nel programma Doc 3

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=Uc4wezHQ8Fg

 

Cinque donne senza figli, tra 38 e 43 anni e l’orologio biologico che batte il tempo senza tregua fino a diventare un cronometro tra te e i tuoi limiti, tra il tuo corpo e la tua volontà, tra il tuo desiderio e la tua scelta. Cinque donne diverse, cinque strade parallele destinate fatalmente ad incrociarsi nello stesso punto, di fronte allo stesso ineludibile richiamo. Essere o non essere madre.

 

SINOSSI

A quando il lieto evento? Quante volte ti sei sentita rivolgere questa domanda? Hai tra i 38 e i 45 anni, non hai figli, non li hai ancora, non li vuoi, li vorresti ma non vengono. L’orologio biologico, ovunque si trovi, ti ticchetta nel cervello come un cronometro. Oppure no, quello che ticchetta è l’orologio della vicina, perché il tuo l’hai spento dopo qualche notte insonne. O magari non l’hai mai sentito. O forse la tua corsa contro il tempo è talmente sfiancante che ormai non ci fai più caso. Ti accorgi che il mondo comincia ad insospettirsi non vedendoti col pancione. E anche tu qualche domanda te la fai.

Il film racconta il momento in cui queste domande diventano impellenti e lo fa seguendo cinque donne, intorno ai 40 anni senza figli, attraverso i percorsi che decidono di intraprendere per affrontare una scelta, come quella della maternità o della non maternità, non più procrastinabile. I dialoghi e i confronti serrati con parenti, compagni e amici, le riflessioni più intime e personali, si incrociano alla ricerca di un bandolo della matassa che, a questo punto della vita, ognuna di loro ha la necessità di individuare. Il film, alternando voci e storie, segue i passi, a volte incerti, a volte sicuri, che le protagoniste compiono per riconoscere la propria strada, in mezzo ai tanti condizionamenti e alle mille paure che emergono di fronte al limite irrevocabile della fine dell’età fertile. 

 

NOTE D’INTENTO DELLA REGISTA
Stato Interessante nasce da un’urgenza, la mia, quella di una donna che alla soglia dei quarant’anni e senza figli, si ritrova improvvisamente faccia a faccia con le sue scelte. È quel momento in cui i dubbi e le domande diventano pressanti e la paura di compiere un errore fatale ti spinge a muoverti, a cercare risposte. Ho sentito allora l’esigenza di confrontarmi con le mie coetanee, donne che come me si stavano dibattendo tra infinite contraddizioni e ambivalenze e che come me stavano cercando di venirne a capo in qualche modo. Quando ho iniziato a cercare donne disposte a partecipare al film, sapevo che non sarebbe stato facile. In fondo chiedevo di lasciarmi entrare in uno spazio segreto, quello spazio che si fatica a condividere anche con il proprio compagno, con la propria madre e spesso anche con sé stesse. Chiedevo di raccontare lo spaesamento, il momento di crisi, l’empasse, tutte cose che generalmente si preferisce tenere per sé, che ci fanno sentire scoperti, indifesi, incapaci di trovare le parole. Sapevo che c’era bisogno di intimità, di confidenza. Mi sono rivolta alle amiche e poi alle amiche delle amiche e poi ancora, come infinite scatole cinesi, una dietro l’altra, tantissime si sono fatte avanti e sentendomi una di loro, sono uscite allo scoperto, a dimostrazione di quanto necessario fosse il bisogno di condividere questo momento di passaggio, difficile ma fondamentale per tante donne. Ne ho scelte cinque, ognuna alle prese con un percorso diverso in grado di rappresentare narrativamente un aspetto del tema. La difficoltà di sentirsi adulti, la scelta continuamente rimandata, il rifiuto dei modelli, la sensazione di perdere il centro della propria vita e quella di non essere all’altezza delle aspettative, il condizionamento della famiglia e quello del contesto sociale, il rapporto con il compagno sbagliato, la paura del futuro e molto altro ancora sono i temi che emergono dalle storyline delle protagoniste.
Un film documentario su un tema profondo e controverso come il desiderio/non desiderio di maternità, che si muove su un terreno tanto impervio quanto vitale. Vitale come la necessità, comune a tutti, di cercare un senso per sé, di autodeterminarsi, di riconoscersi nel proprio percorso, qualunque esso sia. E impervio, come sempre è impervio, porsi dei dubbi, fermarsi a pensare, confrontarsi con sé stessi. Uno Stato Interessante insomma, fecondo e capace di generare spunti di riflessione imprevedibili.

 

LA REGISTA
Alessandra Bruno si diploma all’Accademia Nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico di Roma nel 1994 e inizia a lavorare in teatro come attrice. Dal 2000 al 2011 lavora come Aiuto Regista per produzioni cinematografiche e televisive. Ha scritto e diretto cinque cortometraggi che hanno concorso in numerosi festival nazionali e internazionali aggiudicandosi premi e riconoscimenti. E’ autrice e regista di una serie di 12 documentari per il canale Babel di Sky. Dal 2011 collabora continuativamente con la Rai come regista.

 

LA PRODUZIONE
La B&B Film ha una ventennale esperienza nello sviluppo e nella produzione di documentari di creazione e seriali, attraverso accordi di co-produzione e distribuzione internazionale. I documentari della B&B Film sono stati distribuiti in oltre 160 paesi e hanno ricevuto importanti riconoscimenti in numerosi festival internazionali, da IDFA al Festival di Locarno a HOT DOCS.





indietro